La cripta di Bremen – III episodio 4

Mentre i demoni si riuniscono per decidere come iniziare la loro … malvagità, i ragazzi del paese riprendono la loro attività, ignari di essere posseduti.

immagine-1

Stabiliscono di inioziare con la verifica della dipendenza dei posseduti. La prima prova è quella di Marino, il capostazione. Il demone Lunaria si presenta alla stazione e mentre lo circuisce gli ordina di uccidere il quarto passeggero che scenderà dal prossimo treno.

immagine-2

Seduta su una panchina Lunaria attende di verificare il misfatto. Ma dal treno scendono solo tre passeggeri e il delitto “sfuma”. Marino rimane frastornato colpito da uno  shock mentale che il demone deve rimuovere.  Non può predisporre altro nella mente di Marino perché deve attendere per lo meno un giorno. Due interventi ravvicinati potrebbero nuocere al posseduto.

immagine-3

Nello stesso momento che Lunaria provava Marino, Giovello seduto al bar condiziona la mente di Matilde, ordinandole mentalmente: porta all’interno del bar, con una scusa, la donna con i capelli neri che si siede con i suoi amici al tavolino vicino all’ingresso, uccidila e nascondi bene il cadavere.

immagine-4

La ragazza si avvicina alla predestinata e le sussurra qualcosa nell’orecchio. La donna si alza e entra nel bar, seguita da Matilde.

– Dove è la toilette? – chiede alla ragazza.

– Quella dei clienti è guasta. Scenda al seminterrato da questa porta, alla fine della scala troverà il bagno per noi dipendenti.

La cassiera del bar è distratta da un cliente e non si accorge che la donna apre la porta riservata. Matilde esce fuori e da un ingresso esterno, adibito a scarico merci, scende anche lei nel seminterrato.

immagine-5

Trova la cliente vicino alla porta del bagno riservato al personale che è chiusa a chiave. La posseduta apre la porta e quando la donna sta per entrare, con un foulard di seta le stringe il collo con forza, soffocandola.

immagine-6

Poi nasconde il cadavere in un sacco che ripone tra i rifiuti.

Gli amici della donna la cercano invano. Poi, come già accaduto altre volte, pensano che si sia allontanata di nascosto.

immagine-7

fffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffff

Questa voce è stata pubblicata in Racconti illustrati e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...