La piramide 4

È arrivato il giorno della riunione, sulla spiaggia, delle coppie . Poche sono quelle che non sono intervenute, per improvvise necessità.

Sonia prende la parola: – Buongiorno amici, ben arrivati. Siete stati scelti dalla Piramide, a coppie, perché amate la natura e siete pronti per salvarla dalle malefatte dell’uomo. Prima di continuare penso che sia il caso di indossare il costume da bagno, che avete portato dopo che vi abbiamo avvisato. La Piramide mi ha comunicato che la polizia, che ci tiene sempre d’occhio, tra poco arriverà per controllarci.

Appena in tempo per indossare il costume che una macchina della polizia appare sulla strada. I ragazzi corrono verso il mare, come se fosse una gara.

Quando sono tutti “a mollo”, la macchina della polizia riparte senza alcun sospetto. “Deve essere un bagno collettivo organizzato” è il pensiero che li rassicura.

Dopo il bagno Sonia riprende: ؘ– Voi siete un centinaio di coppie della nostra regione. Tra alcuni giorni, tutte le ragioni avranno il loro gruppo di coppie. In ogni gruppo sarà nominato un portavoce, maschio o femmina scelto dalla Piramide, per le sue capacità sensitive e di comunicazione.

Tutti insieme i portavoce si riuniranno in un luogo lontano e tranquillo per avere chiarimenti e compiti da riportare ai propri gruppi. Arrivederci e buon viaggio di ritorno.

In una sola settimana ogni regione ha il suo gruppo e vengono nominati i portavoce. Vengono tutti invitati, questa volta non dovrà mancare nessuno, all’albergo Hotel Ospiti. La riunione è organizzata come se fosse un corso di aggiornamento, per eliminare eventuali sospetti. Due giorni di permanenza per approfondire il fine e i compiti di tutti.

A casa di Giovanni, di mattina, si riunisce il gruppo base formato da Giulia, Sonia, Paolo e lo stesso Giovanni. Sonia fa il resoconto della riunione dei portavoce.

– Tutte le regioni d’Italia hanno il gruppo formato da centinaia di coppie. Nella riunione dei portavoce, una settimana fa, ci è stato chiarito il compito assegnato: salvare il nostro pianeta. Eliminando e diminuendo le cause che hanno prodotto i danni. Prima di tutto è l’aumento della temperatura atmosferica e l’inquinamento dell’ambiente, dovuto ai continui incendi dolosi, al parco auto mondiale vecchio super inquinante e  allo smog di molte città in tutti i continenti oltre al continuo scoppio di bombe/missili in molte parte del Mondo. L’innalzamento del mare per lo scioglimento dei ghiacciai procurerà gravi problemi per le città costiere.

Nella stessa sera si riunisce il gruppo base formato dagli otto ragazzi. Sonia prima ripete quello che aveva detto la mattina, poi aggiunge: –  In tutta Europa e poi nel Mondo intero verranno creati gruppi. Al momento, il primo compito per ognuno di noi è di coinvolgere i genitori, i parenti, gli amici, i conoscenti in questa lotta “santa”.

Nelle future riunioni, organizzate in tutti i continenti, verrà stabilito il modo di operare e saranno nominati i delegati per trattare con i governanti.

Giovanni interrompe Sonia: – Mi è tutto chiaro ma vorrei sapere la Piramide cos’è e che ruolo avrà.

– Hai ragione, forse dovevo chiarirlo prima. La Piramide non è altro che una Mente Artificiale creata in un laboratorio segreto da un gruppo di scienziati naturalisti. Preoccupati anche dello sviluppo della Mente Artificiale al servizio del potere. Diciamo che la Piramide è l’alter ego della Mente ufficiale.

Giulia: – Ho sempre sospettato che la Piramide fosse nata per qualcosa di importante.

Sonia conclude: – Al più presto dobbiamo convocare le coppie della nostra regione, alla spiaggia.

Paolo: Giusto. Sarà un altro bagno collettivo.

Sulla spiaggia, Giovanni e Giulia forse per uno degli ultimi giorni liberi poi dovranno “lottare” per il pianeta.

Giulia: – Che sia la volta buon per la “povera” Terra così ridotta da una civiltà consumistica.

Giovanni: – Dici bene “consumistica” tanto da consumare anche la Terra. I potenti hanno stabilito che per il duemilacinquanta saranno eliminati i malanni. Chissà se per quella data non sarà eliminato l’homo, poco “sapiens”.

Giulia: – Speriamo che con l’aiuto della Piramide si possa fare il necessario per salvare il pianeta. – poi aggiunge – Ti ricordi? Una decina di anni fa molti giovani manifestavano per l’ambiente.

– Certo che mi ricordo. Iniziò Greta Thunberg, una sedicenne svedese. Ma non se ne fece nulla. Tutti erano favorevoli a una svolta ma, tranne le auto elettriche, il resto rimase catastrofico. – aggiunge  Giovanni.

– Io sono ottimista. Questa volta La Mente, costi quel che costi, opererà con efficacia. E noi saremo milioni di giovani a sua disposizione. – aggiunge Giulia.

– Ora basta parlare della Mente, godiamoci la nostra passeggiata. – conclude Giovanni.

fffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffff

Questa voce è stata pubblicata in Racconti illustrati e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.