Il rudere – quattordicesima parte

Il mio amico Giovanni non perde tempo. In attesa dell’autorizzazione per procedere ai lavori di restauro della torre, inizia a portare materiale al rudere.

Inizia con il ponteggio alla torre e la sistemazione di una base provvisoria, nello spazio del cortile, per il montaggio dei pannelli della struttura  provvisoria. Per non rovinare la pavimentazione antica, la base è soprelevata di cinquanta centimetri e poggia su una struttura metallica.

Di pomeriggio raggiungo Giovanni perché ha portato anche i pannelli per la struttura dello studio da montare sulla base nel cortile. I pannelli sono facili da montare, infatti bastano solo tre operai per procedere velocemente.

Prima di sera, arriva anche Giulia. Quando rimaniamo soli, andiamo alla torre. Sorpresa? La botola è coperta da sacchi di cemento e non possiamo accedere al locale sotterraneo. Decidiamo di rimanere anche la notte per poter avvisare Bruno di togliere i sacchi quando arriverà l’indomani, di mattina presto.

Ci adattiamo a dormire nella struttura, montata solo in parte. Siamo fortunati perché il tempo è bello e la nottata si presenta tranquilla. Non riusciamo a prendere sonno, forse perché il luogo ci condiziona. Ad un tratto ci sentiamo l’uno spinto nell’altro e ci abbracciano. Sotto al calduccio della coperta, recuperata in auto, sentiamo un forte desiderio e ci abbracciamo, denudandoci. Durante il rapporto, nella mia mente vedo Armela. Poi sento Giulia che sottovoce nomina Marcus. Siamo insieme ma i nostri amanti sono nei nostri cuori.

La mattina viene costruito un riparo per i sacchi di cemento. È meglio depositarli al coperto nel caso di pioggia.

Io e Giulia torniamo in città, torneremo di sera portando alcune cose necessarie alla nostra permanenza al rudere. Iniziamo così il trasloco.

Tornati al castello, depositiamo nel locale sotterraneo la merce portata.

A mezzanotte siamo al portone del castello per riprendere la nostra avventura.

fffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffff

Questa voce è stata pubblicata in Racconti illustrati e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.