II parte – Settima lezione – Le variazioni cromatiche nella prospettiva

Abbiamo visto nella terza lezione, della seconda parte, l’ombra come variazione cromatica. Quest’ultima è presente in egual modo anche nella prospettiva ma la causa del fenomeno è diversa.

Se nell’ombra era la luce che determinava il variare del colore, nella prospettiva è l’aria.

Ti sei mai chiesto perché il sole, nostro brillante astro, al tramonto e all’alba perde la sua luminosità e diventa arancione? Sono gli unici minuti della giornata che possiamo osservarlo a occhi nudi e ammirarlo nella sua magnificenza.  È il pulviscolo atmosferico, che si interpone tra i nostri occhi e l’astro e fa da filtro. Quando il sole è allo zenit, esattamente sulla nostra testa, lo strato è minimo. Man mano che lo vediamo scendere verso ovest (in realtà è la terra che gira verso est) lo strato dell’atmosfera da attraversare aumenta, i raggi solari obliqui  compiono un percorso più lungo nell’atmosfera stessa.

Un osservatore, nel punto O della crosta terrestre, vede “arrossire” verso l’arancione il sole. Nota, nello schema, come aumenta lo strato dell’atmosfera che il raggio solare deve attraversare.

All’alba il sole appare più chiaro del tramonto perché l’atmosfera mattutina è più limpida.

Al tempo d’oggi poi l’inquinamento atmosferico produce effetto tramonto, prima dell’ora, nelle città industriali… Povera respirazione umana.

Se a un appuntamento d’amore mio padre si presentava con una rosa in mano (altri tempi), la sua fidanzatina vedeva bene il colore dalla rosa solo quando l’aveva in mano. La variazione in questo caso era minima ma c’era.

Torniamo al piano in prospettiva che si allontana da noi. Se vogliamo aumentare la profondità possiamo colorarlo con la variazione cromatica.

I pittori conoscono bene queste variazioni, in particolar i paesaggisti. Fin da 1400  alcuni di loro (Piero della Francesca) avevano capito e studiato il fenomeno. Questo modo di usare il colore veniva denominata giustamente “prospettiva aerea”, in particolare spesso adoperata per il cielo.

Ecco un ambiente con le variazioni possibili.

Esercitazione libera. 

Questa lezione è breve, dà più tempo all’ esercitazione libera.

Buon lavoro

Questa voce è stata pubblicata in Lezioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a II parte – Settima lezione – Le variazioni cromatiche nella prospettiva

  1. Pingback: Indice lezioni | disegnare da adulti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...